Atopomyrmex foreli, Emery, 1899, Emery, 1899

Emery, C., 1899, Formiche di Madagascar raccolte dal Sig. A. Mocquerys nei pressi della Baia di Antongil (1897 - 1898)., Bollettino della Societa Entomologica Italiana 31, pp. 263-290: 274-276

publication ID

3815

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/F49C32DB-8D78-F9E5-1FC4-0E1E6FB6BA2A

treatment provided by

Christiana

scientific name

Atopomyrmex foreli
status

n. sp.

A. Foreli   HNS   n. sp.

[[ worker ]] E molto affine all' A. Steinheili   HNS   For. dal quale differisce (secondo quello che mi scrive il Forel che ha confrontato i miei esemplari col suo tipo) per i caratteri seguenti:

Nell' A. Steinheili   HNS   , le lamine frontali si prolungano indietro in una cresta acuta che raggiunge gli angoli posteriori del - capo; nella nuova specie, dall'estremo posteriore delle lamine frontali agli angoli del capo, corre un cercine o spigolo smussato che non interrompe le rughe longitudinali. Queste sono, piu grossolane nella nuova specie e tutte dirette longitudi- - nalmente, anche sulla faccia occipitale; nell' A. Steinheili   HNS   , \ e rughe della fronte si prolungano indietro, divergendo in modo che, sull'occipite, divengono quasi trasverse, correndo parallele allo spigolo che unisce l'estremo delle lamine frontali - agli angoli del capo. Le rughe del pronoto sono piu distintamente ondulate, piu grossolane, meno numerose (12 - 14 da un margine all'altro, dietro il dente degli angoli anteriori). L'in- - cisura del dorso del torace che separa il mesonoto dell'epinoto, e il cui fondo e occupato del metanoto, e piu profonda nella nuova specie (v. la fig.). Il nodo del peziolo e meno profondamente inciso. Tutto il gastro e finamente punteggiato e subopaco, mentre e lucido posteriormente nell' A. Steinheili   HNS   . L. 5 — 5 3 / 4 mm.

? [[ male ]]. Attribuisco al genere Atopomyrmex   HNS   , e con dubbio alla specie A. Foreli   HNS   alcuni esemplari del maschio che passo a descrivere. — Il capo e breve, con occhi enormi, piu che emisferici, ritondato posteriormente, col foro occipitale largo e marginato, prolungato innanzi agli occhi in una sorta di muso. Le mandibole sono large, trigone, con 6 denti acuti, dei quali l'apicale piu lungo. Clipeo grande, convesso, arcuato innanzi ..

Le lamine frontali sigmoidi si prolungano fino agli ocelli laterali. Le antenne sono di 13 articoli, lo scapo lungo quanto i tre articoli seguenti insieme; il 2. ° articolo brevissimo, gli altri tutti piu lunghi che grossi, l'ultimo piu lungo degli altri; non v' e clava distinta. Nel torace, il pronoto e scoperto, il mesonoto poco convesso d'innanzi, segnato di linee parassidiali da prima convergenti e poi parallele, che separano' due aree laterali da un' area mediana, la quale termina posteriormente con un paio di appendici di grandezza variabile, sovrastanti allo scutello; postscutello ed epinoto sono piccoli, questo inerme. Il peziolo e subcilindrico, allungato, depresso; il postpeziolo ovale, depresso: il gastro ovale, piu che meta ricoperto dal segmento basale. I genitali sono minuti e nascosti, i penicilli sporgenti. Nell'ala anteriore, la cella radiale e chiusa, una sola cubitale e chiusa, il tronco cubitale si biforca dopo l'unione con la costa trasversa; una grande cella discoidale. Le zampe medie sono molto piccole rispetto alle anteriori e posteriori.

Nero, antenne brune, mandibole e zampe bruno testaceo; lucido, peloso; mandibole striate, clipeo carenato, con alcune rughe longitudinali; capo irregolarmente rugoso; torace con rughe longitudinali; veduto di sopra, pare ristretto innanzi alle stigme che sono sporgenti; postpeziolo alquanto piu lungo che largo; gastro con brevi rughe longitudinali alla base. L. 6 — 6 1 / 3 mm.; ali giallognole con pterostigma bruno.

I caratteri qui descritti provano l'affinita del genere Atopomyrmex   HNS   con Podomyrma   HNS   .