Cerapachys Mayri, Forel, 1892

Emery, C., 1899, Formiche di Madagascar raccolte dal Sig. A. Mocquerys nei pressi della Baia di Antongil (1897 - 1898)., Bollettino della Societa Entomologica Italiana 31, pp. 263-290: 264

publication ID

3815

persistent identifier

http://treatment.plazi.org/id/8EB2F9F5-83A1-0A81-59B8-2F294962BAA1

treatment provided by

Christiana

scientific name

Cerapachys Mayri
status

 

Cerapachys Mayri   HNS   For.

Oltre a parecchi [[ worker ]], trovo nella raccolta due [[ male ]] che credo dover attribuire al genere ed alla specie e che passo a descrivere.

[[ male ]]. Capo rotondeggiante, con occhi e ocelli grandi e sporgenti; mandibole trigone senza denti, con margine interno concavo; clipeo brevissimo; lamine frontali poco sinuose, convergenti indietro, prolungate fino a meta circa della lunghezza degli occhi; nel mezzo della fronte una carena longitudinale. Scapo delle antenne breve e grosso, prolungato quanto le lamine frontali; 2. ° articolo piccolissimo, i seguenti tutti ben piu lunghi che grossi. Torace robusto, pronoto scoperto, con angoli anteriori distinti e margine posteriore sporgente al disopra del livello del mesonoto, questo con solchi parassidiali profondi; epinoto troncato posteriormente. Il peziolo e superiormente convesso, non marginato, con la massima larghezza verso i 3 / 4 posteriori, debolmente ristretto innanzi, fortemente indietro; postpeziolo (1) ovale allungato, piu ristretto innanzi che indietro; di sotto ha, in avanti, una sporgenza lamellare trasversa; il segmento seguente ricopre circa la meta del resto dell' addome. Organo copulatore nascosto, lamina. subgenitale forcuta a punte acute. Nelle ali, le celle cubitali sono tutte aperte, perche manca la trasversa cubitale, e la base del ramo cubitale anteriore e staccata dal tronco della vena; cella radiale aperta, discoidale chiusa; pterostigma largo e corto.

Nero, lucido, con antenne e tarsi ferruginei. Il capo e fittamente coperto di grossi punti alquanto confluenti. Sul torace, si notano dei punti foveiformi piligeri, piu grossi e molto confluenti sull' epinoto che apparisce grossolanamente reticolato-rugoso; la faccia declive come troncata, marginata, sottilmente rugosa. Sono pure reticolati i fianchi del peziolo, mentre, sul dorso, i punti si fanno piu piccoli e discreti, e lasciano nel mezzo uno spazio liscio. Il postpeziolo ha pochi grossi punti sui fianchi, mentre di sopra e sul resto dell'addome, i peli nascono da punti molto minuti. Peli bianchicci, numerosi; pubescenza lunga e copiosa sul postpeziolo e sul gastro. Zampe pelose. Le ali sono giallognole con le vene bruno chiaro e il pterostigma scuro. L. 10 mm.